Senza aspettare il 15 ottobre, come precedentemente stabilito, possono già partire le istanze per l’autorizzazione a effettuare erogazioni in denaro a favore di palestre e strutture sportive

Roma – E’ stata anticipata dal 15 a 1° ottobre 2022 l’apertura della seconda finestra temporale per le richieste di accesso al bonus destinato alle imprese che finanziano interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e la realizzazione di nuove strutture pubbliche. Lo spostamento della data, spiega un avviso pubblicato sul sito del dipartimento per lo Sport, consente ai beneficiari di utilizzare la prima quota annuale del credito di imposta entro l’anno in corso.
I soggetti interessati hanno trenta giorni di tempo per inviare le istanze di accesso alla procedura ed essere autorizzati a effettuare la donazione in denaro. Successivamente, a seguito delle erogazioni certificate dagli enti beneficiari della donazione, il dipartimento autorizza le imprese a usufruire bonus dandone contemporanea comunicazione all’Agenzia delle entrate.

Ricordiamo che l’agevolazione, introdotta dalla legge di bilancio 2019 (articolo 1, commi 621-627, legge n. 145/2018), è stata estesa, dalla legge di bilancio 2022 (articolo 1, comma 190, legge n. 234/2021), per i soli titolari di reddito d’impresa, anche al 2022. Il credito d’imposta è pari al 65% della somma versata al centro sportivo e fino al 10‰ dei ricavi realizzati nel 2021 nel limite massimo dei fondi stanziati (13,2 milioni di euro).
L’importo può essere utilizzato in compensazione, tramite il modello F24, in tre quote annuali di pari importo e non è cumulabile con altre agevolazioni previste per legge riguardo alle stesse liberalità.